I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
2 clic per una maggiore privacy: solo quando clicchi qui, il Plug-In Facebook viene attivato e puoi condividere o mettere il "Mi piace" su Facebook. Non appena clicchi su "attiva" viene stabilita la connessione a Facebook.

Zucchero nascosto.

pubblicato il 27.06.2018

5 zollette – questa è la quantità di zucchero che l'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda come razione giornaliera ideale per un adulto. E tu quanto zucchero assumi al giorno? Se ti cibi di piatti precotti, addolcisci il caffè e ti mangi un pezzo di cioccolato la sera superi certamente la razione giornaliera consigliata. Se non facciamo attenzione alle etichette alimentari e non si conosce ogni termine che viene usato per lo zucchero, sarà difficile non oltrepassare i 25 grammi di zucchero al giorno raccomandati. E non c'è bisogno di mangiare dolci e torte non stop, perché lo zucchero si nasconde anche in cibi che mai sospetteresti!

Zucchero: il veleno è la quantità!

Tuttavia, per quanto innocuo possa essere un consumo moderato di zucchero, un quantitativo eccessivo di zucchero può avere gravi conseguenze per la salute a lungo termine. L'obesità, il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache stanno diventando malattie sempre più diffuse a causa dell'aumento del consumo di zucchero nella società - uno sviluppo preoccupante che colpisce sempre più spesso i bambini. Senza tener conto di queste conseguenze estreme, il troppo zucchero ha anche altri effetti collaterali indesiderati come stanchezza, pelle imperfetta, svogliatezza, bruciori di stomaco, aumento di peso e attacchi di fame.

Vale quindi la pena di tenere d'occhio il proprio consumo di zucchero: ecco qui alcune trappole dello zucchero, ossia quei cibi che non sospetti neanche che contengano zucchero:

  1. Yogurt alla frutta

Un piccolo vasetto di yogurt alla frutta da 125 gr., come si trova in genere in qualsiasi supermercato, contiene dalle 3 alle 4 zollette di zucchero. Questo significa che il fabbisogno giornaliero di zucchero di un adulto sarebbe quasi esaurito con appena un vasetto di yogurt alla frutta. Questi sono infatti la trappola dello zucchero per eccellenza. A proposito: anche con la variante a basso contenuto di grassi evitiamo al massimo le calorie, ma non lo zucchero.

La soluzione: mescolate lo yogurt al naturale e frutta fresca!

  1. Frutta sciroppata

La popolare e apparentemente sana frutta sciroppata si rivela essere una vera e propria bomba di zucchero. Infatti i frutti per essere conservati vengono immersi in una miscela di sciroppo di zucchero. Ciò significa che una lattina di 450 g di ananas può già contenere 18 zollette di zucchero. Una vera e propria bomba di zucchero!

  1. Salse e condimenti

Le salse e i condimenti preconfezionati (ad esempio, le salse per le grigliate o insalate) contengono spesso molto zucchero per dare un gusto forte e piccante. In testa alla classifica troviamo il ketchup, che contiene 43 zollette di zucchero ogni 500 ml.

La soluzione: prepara sempre in casa sia le salse che i condimenti, solo così potrai evitare le trappole dello zucchero.

  1. Piatti pronti

I piatti pronti, che siano surgelati (pasta, pizza, baguette) o di altro tipo (minestre in scatola, carni precotte, sughi pronti per la pasta) contengono generalmente molto zucchero. Da un lato per il gusto, dall'altro per la durata di conservazione dei piatti. Appena 250 gr. di minestrone surgelato contengono già 1 zolletta di zucchero. Ecco come verdure apparentemente sane possono diventare una trappola di zucchero.

  1. Verdure in vetro

Che si tratti di cavoli rossi o cetriolini, vale la pena di controllare attentamente l'etichetta, perché le verdure sott'aceto vengono solitamente mescolate con molto zucchero. In un vasetto medio di cetriolini si possono trovare 4 zollette di zucchero, il cavolo rosso raggiunge anche ben 25 zollette di zucchero per ogni 700gr.

  1. Cereali

Chiunque al mattino si cibi di cornflakes o barrette di cereali, sperando di fare qualcosa di buono, finisce ignaro direttamente nella trappola. Il contenuto zuccherino di questi prodotti è estremamente elevato, al punto che anche una grande ciotola di cornflakes può essere una bomba calorica che oltretutto non sazia a lungo. Una normale barretta di cereali, ad esempio, contiene già circa 3 zollette di zucchero e non è quindi adatta per uno spuntino veloce.

La soluzione: sostituisci i cereali con fiocchi d'avena, noci e frutta secca.  

  1. Frullati

Anche i frullati che non contengono zucchero aggiunto, ma solo il fruttosio, raggiungono quasi 9 zollette di zucchero per circa 200 ml. La ragione per questo alto contenuto di zucchero si spiega con l’alta quantità di frutta contenuta che essendo frullata occupa molta meno massa che se fosse mangiata intera. Purtroppo frullando la frutta riduciamo solo la massa ma non le calorie.

La giungla delle etichette

Un altro problema che rende difficile per i consumatori vedere quanto zucchero contengono i cibi confezionati sono le etichette spesso complicate e incomprensibili. E' molto difficile, specialmente a prima vista, capire quanto zucchero contenga un alimento.

  1. Quanti nomi per dire „zucchero“

Lo zucchero spesso non è elencato con il termine zucchero sul prodotto, ma come ingredienti che terminano in -osio (glucosio, destrosio, maltosio, lattosio, fruttosio), sciroppi, prodotti lattiero-caseari (lattosio, latte scremato in polvere, siero di latte dolce in polvere), malto (maltosio, malto d’orzo) e fruttosio. In realtà, tutti questi ingredienti sono zucchero, solo in forme diverse.

 

  1. La suddivisione degli zuccheri

La lista degli ingredienti deve essere strutturata in modo tale che gli ingredienti siano elencati in ordine decrescente rispetto alle quantità contenute nel prodotto. Naturalmente, tutti i fabbricanti evitano di elencare lo zucchero al primo posto.  Ecco perché gli zuccheri vengono suddivisi ed elencati con tutti i nomi diversi (cfr. punto 1) così da apparire sempre agli ultimi posti della lista degli ingredienti.  

 

  1. Attenzione alle porzioni

Se si presta particolare attenzione alle porzioni indicate e agli zuccheri o alle calorie in esse contenute, molti prodotti appaiono innocui. Questo perché le porzioni indicate sono estremamente piccole e irrealistiche. Una porzione di pizza surgelata è solitamente ½ pizza, una porzione di barretta di cioccolato è ½ barretta di cioccolato e una porzione di barretta di cereali è 50gr. - porzioni che in realtà sono generalmente considerate troppo piccole. Solo quando facciamo la somma calcolando il contenuto di zucchero della porzione effettivamente consumata, ci rendiamo conto quanto zucchero abbiamo consumato effettivamente.

 

  1. Lo zucchero della frutta

Se un prodotto contiene solo fruttosio, il fabbricante può dichiararlo con la dicitura "senza zuccheri aggiunti". Il fruttosio in realtà non è altro che una miscela di glucosio e fruttosio, che è quasi uguale al normale zucchero domestico.

  1. Pubblicità ingannevole

Chi pensa al contenuto zuccherino quando un prodotto ha molte altre proprietà benefiche? Ad esempio, se è povero di grassi, se apporta energia o è benefico per il tratto gastrointestinale? Con queste promesse pubblicitarie, il produttore distoglie l'attenzione del consumatore dal contenuto di zucchero indirizzandola verso altre caratteristiche positive, in modo che la questione dello zucchero svanisca in secondo piano.

PASSALAPIGRIZIA VIVI IN MOVIMENTO 

Zucchero nascosto.